L’abito della sposa

72776061.jpg

Attorno all’abito della sposa, carico di simbologia e valori, ruotano tutti gli altri elementi del matrimonio, con esso si armonizzano acconciatura e trucco, accessori, bouquet e i fiori della cerimonia.

La scelta di questo capo d’abbigliamento è perciò fondamentale. Da dove partire quindi? La prima regola impone di evitare gli eccessi.Qualunque stile si scelga l’imperativo è conoscere i propri pregi e difetti, per esaltare i primi e mascherare i secondi.

Per farlo è utile affidarsi ai consigli di un’esperta, rivolgendosi quindi ad un atelier o ad un negozio specializzato. La gamma di abiti già confezionati è più ampia ed è più facile vedere subito l’effetto indossando uno degli abiti presenti in negozio.

Se invece la sposa ha le idee chiare su come desidera il suo abito, si può rivolgere ad una sarta specializzata in abiti da sposa e, con il suo aiuto realizzare l’abito per il suo giorno più bello.

Lo stile è libero, compatibilmente con il luogo e l’ora della cerimonia. Intramontabile è il modello classico con il corpino stretto e la gonna ampia ma, alla moda sono lo stile impero e gli abiti lunghi “effetto sirena”, forme permettendo.

Grande scelta anche per il tessuto che può spaziare dalla seta allo chiffon e al voile, liscio o con pizzi e ricami, seguendo sempre il gusto della sposa.

Il colore? Non ci sono limitazioni di sorta, ma  il più gettonato, soprattutto per la cerimonia religiosa, resta il bianco, oggi preferito nelle gradazioni crema, avorio, ecru.

Per le cerimonie civili, in particolare nel caso di seconde nozze, è perfetto il tailleur ( gonna o pantalone) nei colori chiari e pastello, oppure un abito da sera rivisitato per l’occasione.

Un suggerimento: non trascurate la scelta della biancheria intima che può aiutarvi a valorizzare il seno e il busto e, che dovrete sempre indossare durante le prove dell’abito.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *